Come sfruttare al meglio le campagne Performance Max di Google?

5'

L’ambizione di Google è quella di migliorare costantemente le prestazioni degli inserzionisti sulla sua rete pubblicitaria. Le campagne Performance Max sono pienamente in linea con questo approccio. Con questa nuova funzione, l’azienda apre una finestra sul futuro della pubblicità digitale, con l’automazione come leva per raggiungere nuovi pubblici e aumentare i tassi di conversione. Tuttavia, questo ulteriore livello di automazione, che si basa sull’apprendimento automatico per creare campagne più mirate ed efficaci, costringe gli inserzionisti a rinunciare a parte del loro controllo. Per sfruttare al meglio questa leva di Google Ads e mettere l’automazione al servizio delle prestazioni, è quindi fondamentale mantenere il controllo delle tue campagne. Ecco come fare.

Rimani aggiornato con la nostra newsletter

newsletter-image

Cosa sono le campagne Google Performance Max?

Le campagne Performance Max sono un nuovo tipo di campagna Google Ads che lascia gran parte all’automazione nella creazione degli annunci e, soprattutto, nella scelta dei canali di diffusione (sulla Ricerca e/o sulla rete dei partner di Google).

Queste campagne combinano diverse tecnologie di automazione, in particolare il machine learning (cioè l’apprendimento progressivo da parte dell’algoritmo), che agiscono contemporaneamente sulle offerte, sul targeting del pubblico, sulle creatività e sulla modalità di attribuzione più appropriata. In sostanza, gli inserzionisti inseriscono i dati di base all’inizio della campagna (testo, immagini e CTA) e Google (da solo) gioca con le variabili per ottimizzare la diffusione degli annunci e raggiungere gli obiettivi prefissati: generazione di lead, coinvolgimento, conversioni, vendite, ma anche costo per azione o ROAS.

In questo modo, le campagne Performance Max ti aiutano a migliorare le prestazioni in tempo reale, su tutti i canali rilevanti, utilizzando strategie di offerta intelligenti. Queste strategie tengono conto degli obiettivi che hai stabilito, dei dati anagrafici e degli attributi del tuo catalogo prodotti, anche da fonti aggiuntive.

Quali sono i vantaggi delle campagne Performance Max?

Ci sono tre vantaggi principali nell’utilizzo delle campagne Google Performance Max in termini di conversioni, valore e approfondimenti:

  • Più conversioni, grazie a campagne ampiamente automatizzate che ti permettono di raggiungere nuovi pubblici, simultaneamente su tutti i canali di diffusione, con il risultato di una maggiore visibilità e di un maggior numero di visitatori del tuo sito di e-commerce – alcuni dei quali più qualificati e quindi pronti ad effettuare un acquisto;
  • Più valore, concentrando gli sforzi sui punti di contatto più performanti. I modelli di machine learning utilizzati nelle campagne Performance Max aiutano a prevedere le combinazioni di annunci più rilevanti, a identificare le creatività più efficaci e a rivolgersi al pubblico più qualificato, il tutto con l’aiuto di big data affidabili e ben utilizzati;
  • Più insight, grazie a report dedicati sulle tendenze di ricerca, sulla creatività e sul comportamento del pubblico. Questo ti permette di ottimizzare le campagne e massimizzare il ROAS, oltre a capire meglio come funzionano i modelli automatizzati per migliorare le tue campagne.

Come ottenere il massimo dalle campagne Performance Max

L’aspetto negativo dell’utilizzo di modelli di automazione per ottimizzare gli annunci è che si verifica una significativa perdita di controllo, in quanto le impostazioni degli annunci vengono delegate il più possibile. Questo è esattamente ciò che accade con le campagne Performance Max. Nonostante gli innegabili vantaggi, è comunque importante mantenere il controllo dei componenti più importanti della tua strategia SEA.

Infatti, se l’algoritmo si occupa di gestire da solo le tue campagne Performance Max, è comunque necessario fornirgli, a monte, i dati essenziali per l’ottimizzazione dei tuoi Google Ads. Quali sono i punti da regolare per mantenere il massimo controllo sulle tue campagne?

  • Come primo passo, assicurati di utilizzare i dati della tua azienda nel monitoraggio delle campagne Google. Con un gestore di feed come Lengow, integra i tuoi dati come le scorte, la stagionalità, i prezzi dei concorrenti, i margini di guadagno… con le nostre fonti aggiuntive per creare un catalogo di prodotti completo che corrisponda alle specificità della tua azienda. Quindi utilizza regole automatiche, segmenti ed etichette personalizzate di Google per definire facilmente quali prodotti mostrare, a quale prezzo, a quale livello di offerta…. In questo modo potrai realizzare strategie pubblicitarie precise basate su dati affidabili!
  • Specifica i tuoi obiettivi di conversione. Nota che Performance Max ti permette di impostare più obiettivi per una singola campagna, una caratteristica che conferisce maggiore flessibilità al processo.
  • Imposta il tuo budget giornaliero e la strategia di offerta (CPA, ROAS target, ottimizzazione del ROI su Google Shopping, ecc.) Non avere fretta: determinare il budget giornaliero ideale può richiedere tempo. Inoltre, questo budget deve essere stabilito in base alla strategia di offerta. Puoi basarti sui dati della tua azienda, come visto nel punto 1.
  • Scegli il target geografico delle tue campagne, così come la lingua utilizzata.
  • Tieni sotto controllo gli URL. Per impostazione predefinita, è Google stesso a definire gli URL dei tuoi annunci, al fine di migliorarne la pertinenza. Ma è preferibile proporre gli URL di tua scelta in funzione alla tua strategia. Questi URL possono essere importati tramite il tuo feed di prodotto in modo automatico.
  • Fornisci risorse creative: almeno cinque, ovvero quattro titoli e cinque descrizioni. Questa varietà di scelta permette a Google Ads di testare più combinazioni di annunci per ottenere risultati migliori. Aggiungi anche risorse visive (di alta qualità e ottimizzate) e CTA.
  • Condividi i segnali del tuo pubblico in modo che l’algoritmo di apprendimento automatico possa prendere in considerazione il tuo pubblico esistente e perfezionare il suo targeting per raggiungere il pubblico che apprezzi di più. Per questo motivo, importare le tue liste di pubblico simile e di remarketing nella piattaforma ti aiuterà a velocizzare il processo di apprendimento dello strumento.
  • Chiediti se le campagne Performance Max fanno davvero al caso tuo. Questo è il caso se hai obiettivi specifici (in termini di conversione, lead generation, costo per azione, ROAS…), se vuoi accedere a tutti i canali di Google Ads con un’unica campagna e se vuoi rivolgerti a nuovi pubblici e aumentare il valore delle tue conversioni.

Ricorda che l’algoritmo è in continuo apprendimento e ci vuole un po’ di tempo per perfezionare la sua conoscenza delle tue campagne. Ci vogliono quindi in media almeno 6 settimane per vedere i risultati.

Conclusione

In conclusione, le campagne Performance Max sono un approccio interessante per gli inserzionisti. Basate su modelli di machine learning, queste campagne permettono di conquistare nuovi mercati e di ottimizzare le prestazioni delle strategie di acquisizione ATS. D’altro canto, richiedono una parametrizzazione più completa e rigorosa a monte. Questo per garantirti il massimo controllo sulle tue campagne!

Sfrutta al massimo le campagne Performance Max di Google!

Sofia Carvalho e Pereira

Sofia è un'appassionata di lingue con una formazione accademica in Linguistica e Comunicazione strategica e PR. Prima di entrare a far parte del team di contenuti per l'e-commerce di Netrivals e Lengow, ha lavorato in diversi settori come membro dei loro dipartimenti di marketing.

La tua libreria di e-commerce

Storie di successo: Nespresso

Scarica la guida

Focus ecommerce: Il settore della moda

Scarica la guida

Storie di successo: Yeppon

Scarica la guida

Iscrivetevi alla nostra Newsletter

Inviando questo modulo autorizzi Lengow a trattare i tuoi dati con lo scopo di inviarti le newsletter di Lengow. Avete il diritto di accedere, rettificare e cancellare questi dati, di opporvi al loro trattamento, di limitarne l'uso, di renderli portatili e di definire le linee guida relative al loro destino in caso di morte. Potete esercitare questi diritti in qualsiasi momento scrivendo a dpo@lengow.com

newsletter-image